Se state fantasticando su una possibile gita fuori porta da organizzare non appena saremo usciti dalla fredda stagione invernale, siete atterrati sulla pagina giusta! Vi propongo un assaggio di Slovenia accompagnandovi alla scoperta di un luogo straordinariamente intatto, immerso nella natura più pura e lontano dalle mete più classiche. Vi porto alla gola di Vintgar, per una semplice ma affascinante escursione adatta anche a famiglie con bambini.

Si tratta di un canyon scavato tra le rocce, nel corso dei millenni, dal torrente Radovna e situato nel Parco Nazionale del Tricorno, nella regione alpina della Gorenjska (l’Alta Carniola). Assieme al fiabesco – e sicuramente più popolare – lago di Bled, dal quale dista appena quattro chilometri, la gola di Vintgar è un altro must per chi vuole scoprire le bellezze naturalistiche della Slovenia. Per di più, data la rispettiva vicinanza, le due mete si sposano divinamente se avete a disposizione un weekend per esplorare più a fondo la zona.

La forra si sviluppa per circa 1600 metri snodandosi lungo un percorso attrezzato con ponti e passerelle di legno per una piacevole e fresca passeggiata a diretto contatto con la natura.

Le passerelle in legno della gola di Vintgar

La gola di Vintgar esplorabile percorrendo le passerelle in legno

Pozze d'acqua verde smeraldo alla gola di Vintgar

Le pozze d’acqua verde smeraldo colorano la gola di Vintgar

Il sentiero regala scorci incantevoli, in un susseguirsi di zone di luce e ombra. La tortuosa gola, abbracciata da versanti rocciosi maculati di umidi muschi, fa da culla a meravigliose cascate, mulinelli e pozze d’acqua verde smeraldo. L’aria frizzante che si incanala attraverso le pareti e il fragore dell’acqua spumeggiante che scorre impetuosa lungo il suo tortuoso corso vi accompagneranno lungo tutto il cammino. E’ senz’altro il luogo ideale per gli amanti della natura incontaminata, pura e semplice… non a caso è stato inserito nel patrimonio naturale della Slovenia!

Le pareti rocciose della gola di Vintgar

Le pareti rocciose che abbracciano la forra

Il torrente Radovna si snoda attraverso la gola

Alcuni scorci del torrente Radovna che si snoda attraverso la gola

La natura pura e selvaggia della gola di Vintgar

La natura si presenta nella sua veste più pura e selvaggia

Le magiche suggestioni della natura nella gola di Vintgar

La natura crea magiche suggestioni lungo la gola di Vintgar in Slovenia

La forza del torrente Radovna nella gola di Vintgar

La forza del torrente Radovna sprona il visitatore a continuare il cammino: la parte più bella deve ancora arrivare

Verso l’ultima parte del percorso vi imbatterete in un elegante ponte di pietra ad arco, alto e slanciato, su cui corre una linea ferroviaria ormai in disuso. Assieme alle passerelle, costituisce una rara traccia dell’uomo all’interno dell’intero sito.

Il fascino della gola di Vintgar culminerà una volta giunti nei pressi dell’imponente cascata Šum, alta 13 metri, che vi regalerà lo scorcio più suggestivo dell’intera gola. Se la memoria non mi inganna, dovrebbe trattarsi della cascata di origine fluviale più alta dell’intera Slovenia. La si puo’ ammirare dall’alto, fermandosi sopra il ponte che la sovrasta, oppure dal basso (scelta che vi suggerisco) per goderne appieno della maestosità. In questo caso, scendete la scalinata che trovate dietro al bar e giungerete proprio ai piedi della rapida.

Nei pressi della cascata si trovano anche una piccola centrale idroelettrica ed un secondo punto di accesso al sito che permette, a chi arriva dal paese di Vintgar, di percorrere il sentiero in senso opposto.

Il ponte ad arco lungo la gola di Vintgar

Il ponte di pietra ad arco

Una piccola cascata a picco lungo il percorso

Una piccola cascata a picco e un tronco spezzato che si è tuffato con essa

La maestosa cascata Šum lungo la gola di Vintgar

La grande cascata Šum si tuffa in un’immensa pozza verde smeraldo

La maestosa cascata Šum

L’unico suono è quello prodotto dall’acqua della cascata Šum. Tutt’intorno, la pace assoluta.

 

Informazioni pratiche:

  • Noi abbiamo impiegato circa due ore per l’intera camminata. Andata e ritorno si percorrono lungo lo stesso sentiero.
  • Come accennato all’inizio, la zona è molto fresca. Regala senz’altro un piacevole refrigerio durante la calda stagione estiva ma risulta indubbiamente più fresca e umida negli altri periodi dell’anno. Così come è abbastanza probabile bagnarsi in prossimità delle cascate, anche le stesse passerelle, seguendo il profilo della gola e correndo vicine al corso d’acqua, potrebbero essere scivolose. Considerate inoltre che percorrerete la maggior parte del sentiero all’ombra. Per questo vi consiglio di portare con voi un abbigliamento adeguato (k-way per ripararvi dagli schizzi d’acqua e felpa/giubbetto per proteggervi dalla frescura) e soprattutto di partire attrezzati con scarpe da ginnastica o, meglio ancora, scarponcini da trekking.
  • Potete raggiungere il sito direttamente in auto; antistante all’ingresso troverete un comodo parcheggio gratuito. Purtroppo, è bene sottolinearlo, le passerelle non sono adatte al transito con passeggini e sedie e rotelle.
  • Tenete presente altre due cose: la prima, che nei mesi invernali il sito è chiuso al pubblico, e la seconda, che nei mesi di luglio e agosto le gole potrebbero essere frequentate da un numero considerevole di visitatori. Il mio suggerimento è quello di evitare i periodi di alta stagione, per godere appieno della tranquillità del luogo e per lasciare che l’unico suono ammesso sia quello della natura. Potete consultare giorni e orari di apertura sul sito ufficiale http://www.vintgar.si/.

Che dire, questa escursione è un’esperienza che ripeterei altre mille volte e che mi sento di consigliare veramente a tutti. La Slovenia è una terra che regala scenari naturalistici mozzafiato! E voi, ci siete mai stati? Vi siete mai avventurati nella gola di Vintgar? Raccontatemelo nei commenti!

Alla prossima ♥

 

Booking.com