Sei qui: Home » Europa » Polonia » Il Wawel di Cracovia: collina con la cattedrale e il castello reale

 

Tra i quartieri storici di Cracovia uno dei più antichi e significativi è sicuramente il Wawel, la collina di roccia dolomitica situata lungo la riva sinistra del fiume Vistola, a sud di Stare Miasto (la Città Vecchia). Tappa finale dell’affascinante Strada Reale che abbiamo percorso nell’articolo dedicato alla scoperta del centro storico (Stare Miasto), questo luogo è una delle attrazioni imperdibili di Cracovia. Cosa vi aspetta in cima al Wawel di Cracovia, la collina su cui sorgono anche la cattedrale e il castello reale?

 

La Collina del Wawel di Cracovia

Un passo indietro nella storia ci aiuta ad inquadrare il Wawel di Cracovia e a comprenderne l’importanza per la città e addirittura per l’intera Polonia. Dai tempi dell’ascesa di Cracovia a sede della Corona, questa collina fu l’antica culla della monarchia polacca per gran parte del Medioevo e del Rinascimento. Con il successivo trasferimento della capitale a Varsavia venne abbandonato, pur continuando a rimanere un luogo intriso di forte significato storico per i Polacchi.

Wawel di Cracovia, plastico bronzo

Il plastico in bronzo sulla collina del Wawel riproduce fedelmente la cattedrale e il castello reale posti sullo sfondo

Dalla sommità della collina, raggiungibile con una breve camminata a piedi, il Castello reale di Wawel sorveglia la città regalandovi scorci fotografici molto particolari e la migliore vista sul centro storico. Lassù vi attende anche la celebre Cattedrale, luogo chiave della città dove storicamente avvenivano le incoronazioni dei sovrani polacchi.

Panorama collina Wawel

Panoramica completa sulla sommità della Collina di Wawel

 

La Cattedrale e il Castello reale del Wawel

Sul Wawel di Cracovia svetta la celebre Cattedrale, l’antica sede dove venivano incoronati i re e le regine di Polonia, oggi santuario nazionale. Oltre alle incoronazioni, in questa chiesa cattolica si celebravano anche i funerali dei sovrani polacchi e proprio qui sono conservate le reliquie appartenenti a dinastie reali e uomini illustri, tra cui quelle di San Stanislao. Merita in particolar modo la Cappella di Sigismondo e l’omonima campana ubicata nella cella campanaria della Cattedrale.

Di fronte all’ingresso della Cattedrale del Wawel si trova la statua dedicata a Papa Giovanni Paolo II, il papa polacco profondamente legato a questa città.

Cattedrale del Wawel

Architettura esterna della Cattedrale di Wawel

Cattedrale Wawel Papa Giovanni Paolo II

L’ingresso della Cattedrale e la statua dedicata a Papa Giovanni Paolo II

Collina Wawel Cracovia

Vista sul Castello e sulla Cattedrale di Wawel

Il Castello del Wawel (voluto da Casimiro il Grande, Re di Polonia dal 1333 alla sua morte avvenuta nel 1370) fu invece la residenza reale durante gli anni in cui Cracovia era capitale ed il luogo in cui i reali di Polonia governarono il Paese per ben cinque secoli. L’edificio fu fortificato nel XVI secolo con le attuali mura e le torri ancora oggi visibili. Molte stanze del Palazzo Reale sono aperte al pubblico e possono essere visitate.

Il castello è strutturato su tre piani, in cui trovavano spazio le abitazioni reali o dei servi, le cui balconate porticate si affacciano sullo splendido Cortile d’Onore interno. All’interno delle sale del castello sono conservate pregiate collezioni provenienti per lo più da raccolte private – porcellane, vetro, orologi slavi, pezzi d’arte orientale e indiana. Nel Castello del Wawel venne inoltre custodito, per circa cinque anni, “La dama con l’ermellino”, il celebre dipinto di Leonardo da Vinci: venne temporaneamente spostato qui dal Museo Czartoryski durante alcuni lavori di restauro, per poi essere spostato al Museo Nazionale di Cracovia nel 2017 e per essere infine restituito al The Princes Czartoryski Museum alla fine di dicembre 2019, dove ora è ubicato e visibile.

 

Il Drago del Wawel

Sì, avete letto bene. Come ogni castello che si rispetti, anche questo nasconde la sua leggenda. Alla base della collina del Wawel di Cracovia c’è infatti lui ad attendervi: Smok Wawelski, il leggendario Drago del Wawel! Si tratta di una statua raffigurante il mitologico animale che, secondo la leggenda, sarebbe vissuto in una piccola grotta proprio sotto alla collina del Wawel terrorizzando la popolazione mentre trucidava uomini e animali e distruggeva raccolti. Fu un umile calzolaio a porre fine a così tanto terrore grazie ad un ingegnoso stratagemma: imbottì un agnello di zolfo e lo diede in pasto al crudele drago che, infuocato, fu costretto a prosciugare l’acqua del fiume Vistola per dissetarsi, fino a scoppiare. Fu così che si riuscì a sconfiggere il temuto mostro salvando le sorti della città di Cracovia.

La grande scultura in metallo del leggendario animale è oggi posta all’ingresso della caverna del drago, ai piedi della Collina del Wawel, sulle sponde della Vistola (la grotta è visitabile solo nei mesi estivi). C’è un motivo se questa è diventata una delle attrazioni principali della città: ogni 5 minuti circa potrete infatti assistere allo spettacolo del drago sputafuoco: una vampata di fiamme uscirà dalle sue enormi fauci rivolte al cielo, uno spettacolo per grandi e piccini!

Drago Wawel Cracovia

ll drago sputafuoco della Collina di Wawel a Cracovia [Credit: Dariusz Staniszewski, Pixabay]

Albero Wawel

Il meraviglioso albero dalle “braccia avvolgenti” ai piedi del Wawel di Cracovia

Wawel abbobbi natalizi

Addobbi natalizi sotto alla Collina di Wawel

Potete proseguire la vostra visita alla città lasciandovi ispirare dagli altri itinerari disponibili qui sotto, che vi condurranno alla scoperta di altri quartieri e luoghi caratteristici di Cracovia.

Stay curious ♥


 

Condividi l'articolo con chi vuoi: